I principali sistemi di scommesse sportive

In questo capitolo ci occuperemo prevalentemente dei tipi di sistemi di scommesse sportive attraverso i quali è possibile effettuare le puntate più importanti. L’obiettivo è sempre quello di trarre il massimo profitto e, ovviamente, di vincere approfittando al massimo di una modalità di intrattenimento. Per farlo, dunque, è fondamentale conoscere le modalità di gioco, quei sistemi di gestione delle scommesse utili a massimizzare ogni puntata. Sono diversi i criteri e i sistemi che permettono di disimpegnarsi con maggior successo nel betting, in quanto permettono di rimanere in positivo anche senza indovinare tutti i risultati sui quali si è scommesso. Andiamo a vedere nella continuazione della nostra guida esattamente quali sono i sistemi di gestione più utilizzati in assoluto e che richiedono maggior applicazione da parte degli scommettitori.

Sistemi Scommesse: Come Funzionano

Puntata semplice

Ripendendo quanto detto nei capitoli iniziali della guida di StarCasinò, per puntata semplice si intende la giocata più immediata, effettuabile con le condizioni di base delle quali dispone ogni scommettitore. In generale per qualsiasi tipo di puntata è importante effettuare un accurato calcolo delle probabilità per poi analizzare con concretezza tutti i coefficienti di moltiplicazione delle puntate effettuata. Ma, soprattutto, l’utente che scommette deve conoscere a fondo il mercato del quale si sta occupando, dato che in ogni distinto ambito le dinamiche sono diverse e prevedono un approccio distinto. Spesso, infatti, le puntate troppo semplici possono trarre in inganno gli scommettitori, soprattutto nel caso dei neofiti, i quali devono conoscere a fondo ogni meandro di questo mondo che si apre loro.

È importante conoscere bene le dinamiche della scommessa online prima di calare i propri assi, sia in una puntata semplice sia in una più complicata, definita anche multipla. In entrambi i casi, tuttavia, è fondamentale utilizzare alcune modalità di gioco e di investimento per gestire al meglio il proprio budget.

Andiamo a vedere quali sono le principali maniere di effettuare puntate alla base della guida di Starcasinò

Il metodo Martingale

Noto anche come metodo del raddoppio, permette di raddoppiare ogni volta la cifra da puntare se la scommessa precedente non è andata a buon fine, dando così un’opzione di immediata rivalsa all’utente. Si tratta in generale di un metodo molto amato dagli scommettitori dato che permette di aumentare le possibilità di ottenere una vincita, facendo leva principalmente su una serie di teorie matematiche studiate apposta per il betting. Ad esempio, quando si scommette su una squadra specifica e si finisce col perdere va raddoppiata la puntata iniziale. In questo modo si abbassa il rischio di un’ulteriore perdita, in quanto dal punto di vista statistico è più difficile che accada. Un’altra maniera di utilizzare il metodo Martingale è quella di puntare su un evento o un risultato il cui esito è incerto, dove le due squadre rivali hanno quote simili. Nel caso in cui la scommessa non vada a buon fine, si suggerisce di duplicare la posta iniziale per un altro match con delle quote simili.

Per poter effettuare le proprie puntate secondo questa modalità va dunque preso in considerazione il seguente esempio, valevole soprattutto per le scommesse sul calcio. Partendo da una cassa simbolica di 20 euro, e considerando come puntata minima la cifra di 1 euro, basta seguire queste semplici regole:

  • Quando si vince, la puntata successiva sarà di 1 Euro
  • Quando si perde, la puntata successiva sarà il doppio della puntata precedente.
  • Si esegue il cash-out (ossia il ritiro definitivo della vincita) nel momento in cui si arriva a vincere la metà (ossia il 50%) della cassa, che in questo caso ammonta a 10 Euro (corrispondenti a 30 Euro di cassa).

Il metodo Fibonacci

Questo metodo parte da un’altra dinamica, sfruttando il celebre concetto della successione inventato dal matematico pisano che le dà il nome. Attraverso questa modalità è possibile sfruttare la successione matematica nella quale ogni numero della successione è uguale alla somma dei due precedenti numeri della stessa. Tale metodo segue dunque l’analoga progressione data dai numeri 1-2-3-5-8-13-21-34. Visto così, sembra essere un metodo cervellotico e poco chiaro, ma se ci fermiamo un attimo possiamo vedere come è possibile applicarlo in modo concreto e semplice. Innanzitutto va ricordato che questo metodo porta i migliori risultati quando viene abbinato ai pareggi, quindi serve soprattutto per uno sport come il calcio, nel quale una partita può finire in parità in poco tempo e con più faciltà.

Partendo dalla base di 2 €, ossia la puntata minima consentita sui siti italiani, in caso di pareggio, e dunque di successo nella scommessa, secondo questo metodo si dovrà ripartire da capo scegliendo un altro pareggio a una quota superiore ai 3 euro. In caso di mancato pareggio andrà invece aumentata la puntata seguendo la sequenza di Fibonacci: 1,1,2,3,5,8,13,21,34,55,89,144. Il tutto, però, fino a quando non si realizza uno dei pareggi sui quali si è puntato.

Il vantaggio complessivo di questa modalità di scommessa è rappresentato senza dubbio dal valore del pareggio, un segno difficile da pronostica ma che, fino a quando si aumenterà la puntata seguendo la serie, ogni vincita sarà superiore alla perdita. Sempre prendendo in considerazione le scommesse a lungo termine, dunque, il metodo Fibonacci spicca come quello più conservatore e dunque meno rischioso.

Il criterio Kelly

In questo caso parliamo di un criterio che permette di gestire il proprio budget con la cifra ideale da giocare per ogni puntata. Prendendo ad esempio il calcio, vediamo che con questo metodo la stima di probabilità è pari alla percentuale che lo scommettitore che che la squadra sulla quale ha puntato può avere di vincere. Esistono due versioni del criterio Kelly: quella che si definisce “piena” e quella chiamata “frazionale”. La prima presenta più rischi, dato che le somme consigliate incidono maggiormente sul budget a disposizione. Per quanto riguarda la seconda, si tratta di un’alternativa che permette di salvaguardare il proprio capitale anche in caso di una serie di giocate sfortunate.

Come esempio si può citare una qualsiasi partita di calcio di alto livello, come ad esempio il prossimo match di Champions League tra Atletico Madrid e il Liverpool. Essendo l’esito abbastanza incerto, ma essendo anche il Liverpool leggermente favorito come dimostra la quota di 2,50 relativa al suo trionfo, per determinare la somma esatta da scommettere in base a una reale probabilità di riuscita del pronostico bisognerà effettuare il seguente calcolo:

[(2,5 x (30/100)] – [1 / (2,5-1)] x 100 = 8,33

Nel caso in cui si disponga di un budget di 200 euro esatti, il calcolo finale presenterà una percentuale potenziale di investimento del bankroll a disposizione da investire sul Liverpool che corrisponde all’ 8,33% di 200, quindi 16,5 €. In tal modo il budget potrà essere controllato in maniera regolare e oculata, evitando possibili perdite importanti. 

Mercati

Le puntate, semplici o multiple, e i loro susseguenti sistemi, possono essere applicati su ogni mercato disponibile. Ogni mercato è relativo a uno sport in particolare ed è praticamente a sé stante, eccezion fatta per alcuni risultati classici come la vittoria o la sconfitta. Un concetto di base importante è quello della scelta di un metodo di scommessa su tutti da applicare su uno stesso mercato o a uno stesso tipo di scommessa. Andiamo a vedere il perché.

Innanzitutto va ricordato che, per qualsiasi mercato o qualsiasi sport ci si voglia specializzare, i metodi di scommessa si manifestano in diverse forme e vengono applicati in diverse tecniche. È dunque compito del giocatore scegliere quale sia la migliore nel proprio caso, ed è per questo che vanno considerate le migliori scommesse a sistemi per ogni caso distinto.

I sistemi di scommesse sono la definizione tecnica delle metodologie di puntata effettiva. La grande peculiarità di questi metodi è la possibilità di vincere la propria schedina senza aver dovuto indovinare tutti i pronostici inseriti in precedenza. Per fare un esempio, si può vincere una schedina totale di sei partite dopo aver errato una o due partite. Si tratta, in parole povere, di una schedina molteplice che ricalca le storiche opzioni di doppia o tripla disponibili precedentemente nella storica schedina del Totocalcio.

Siccome per mercato si intende un singolo palinsesto per un determinato evento, in un eventuale incontro di Serie A tra Juventus e Milan si può puntare al classico mercato 1×2, quello dell’Under/Over o anche dell’handicap. Un altro ancora è quello dell’asian handicap o quello dell’1X2 con handicap, in sostanza qualsiasi possibilità di scommessa che il bookmaker ha inserito nel suo palinsesto per quella determinata partita. Sempre facendo attenzione alle quote che cambiano in tempo reale, lo scommetitore deve decidere la modalità di scommessa da seguire, potendo scegliere tra le già menzionate Martingale, Fibonacci o Kelly. Perché tutto ciò? È semplice, in modo da poter prendere confidenza con una sola tecnica di scommessa e seguire di conseguenza la strada più agevole verso il successo. 

Suggerimenti

In definitiva, scommettere su uno sport o un altro implica un conoscimento di base importante fin da subito, ma non solo. È importante che ogni scommettitore riesca a gestire in maniera oculata il proprio budget, oltre ad essere a conoscenza delle statistiche e delle tendenze relative a ogni disciplina sulla quale si vuole puntare.

  • n maniera particolare, i neofiti, ossia coloro che stanno iniziando ad addentrarsi nel mondo del betting, devono utilizzare una strategia più accorta. Una delle più frequenti è quella di trattenere in ogni giocata una percentuale costante del proprio budget, in modo tale da non disperdere tutto il denaro possibile all’inizio e poter disporne in maniera progressiva.
  • Una delle strategie più efficaci e sicure è senza dubbio quella di trattenere dopo ogni giocata una percentuale costante ma decrescente del budget imposto fin dall’inizio. Tale strategia permette di diminuire proporzionalmente la somma da investire, in modo da non perdere del tutto la quantità messa da parte alla base dell’atto della scommessa in sé.
  • Oltre alle già citate modalità di scommessa come quella di Fibonacci, il Martingale o quella di Kelly, senza dubbio la più utilizzata, chi scommette deve dunque saper gestire le proprie risorse ponendosi un limite di investimento. Un risultato importante sarebbe già quello di disporre di un utile mensile del 10% superiore rispetto alle puntate effettuate, in modo da stabilire un trend positivo.
  • Uno dei suggerimenti più accorti è quello di partire dal basso senza troppe pretese, puntando soprattutto sugli eventi sui quali si è più ferrati. Alla base di tutto vi è un aumento progressivo delle vincite, che vanno ovviamente di pari all’abilità nell’effettuare puntate efficaci del singolo giocatore.

In sostanza, partire dal budget prefissato è la base per diventare familiari con i principali sistemi di scommesse sportive. Dopo aver compreso come approcciarsi alle puntate rispettive ai vari mercati e aver scelto quali saranno le principali modalità di scommessa, l’utente che si sta affacciando al mondo del betting potrà iniziare a muovere concretamente i primi passi in questo contesto, facendo leva anche sulle statistiche. Il prossimo passo sarà dunque quello di conoscere esattamente le dinamiche di uno sport in particolare per poter effettuare puntate concrete e precise sugli eventi dello stesso e secondo i mercati che lo caratterizzano, come vedremo nei capitoli sucessivi della guida.